Focus

LETTERE DA UN TEMPO LONTANO


LETTERE DA UN TEMPO LONTANO
di Lorenzo Mattotti, Lilia Ambrosi e Gabriella Giandelli
[ scarica il pdf ]

Sei brevi storie accomunate da alcuni temi ricorrenti nella produzione di Lorenzo Mattotti, come il ricordo, il sogno, l’esplorazione dei rapporti umani. Sei lettere spedite rispettivamente da una donna al suo compagno lontano, da una ragazza al bisnonno fumettista e, rivolgendosi idealmente a noi che leggiamo, da un pittore che non riesce più a ritrarre l’amata, da un personaggio indefinito che segue lo strano viaggio di una statuetta, da una donna che torna alla propria terra di origine, da due persone che si incontrano fugacemente separate da un vetro. Sei storie attraversate dalle altre due parole chiave del titolo: il tempo, che qui è soprattutto il futuro, e la lontananza.
Il tema del futuro viene introdotto in due tavole contenute nel primo episodio, “Dopo il diluvio”, in cui la protagonista immagina due diverse versioni della fine del mondo: nella prima una notte scura avvolge la terra inghiottendo ogni speranza di luce, nella seconda gli animali aggrediscono l’umanità fino a determinarne l’estinzione.
Lo stesso tema diventa protagonista del quarto episodio, “Lettera da un tempo lontano”, un viaggio a bordo di un futuristico treno lanciato a tutta velocità attraverso una stramba Venezia quasi completamente allagata. Questa storia era stata realizzata nel 1992 per un libro dal titolo Quel fantastico treno – fumetti d’autore sulla ferrovia, edito da Adnkronos che, oltre a quello di Mattotti, raccoglieva i contributi di Guido Crepax, Cinzia Leone, Hugo Pratt e José Muñoz e Carlos Sampayo, con la prefazione di Omar Calabrese. Si trattava di un volume celebrativo delle Ferrovie dello Stato, con il tema del tempo come filo conduttore. A Mattotti era stata chiesta una storia originale sul “treno del futuro” e a tal fine aveva attinto alle proprie letture e inserito alcuni elementi di invenzione. In una società in cui i rapporti umani sono perlopiù filtrati da dispositivi artificiali, le persone hanno la possibilità di isolarsi completamente dall’ambiente circostante applicando alle cuffie acustiche particolari meccanismi sonori e possono vedere ingranditi i particolari del paesaggio attraversato dal treno.


Trattandosi di un lavoro su commissione, la visione del futuro – si tratta degli anni intorno al 2050 – è sostanzialmente positiva, all’insegna della velocità e dell’innovazione tecnologica. Grazie ad alcune importanti scoperte, si può sperare di risolvere i principali problemi legati alla tutela dell’ambiente: l’inquinamento, in particolare, si è notevolmente ridotto per effetto di minuscole alghe che purificano l’aria. La protagonista del racconto indossa un dispositivo porta-odori applicato al naso e la fruizione dell’arte è ormai diventata un’esperienza multisensoriale, il che porta la ragazza a chiedersi come facesse l’umanità, ai tempi del bisnonno, a divertirsi davanti a “immagini senza odori, immobili, senza suono”. Si tratta probabilmente di una domanda che Mattotti rivolge a sé stesso, interrogandosi sulle possibili evoluzioni del proprio lavoro e sul futuro del fumetto.
Anche il tempo passato è chiamato in causa, soprattutto nella storia in bianco e nero “Il richiamo”, apparsa per la prima volta in volume per questa edizione. La protagonista è una donna che torna nella sua terra d’origine, dove fa visita alla sorella. Per lei è come tuffarsi di nuovo nella vita di un tempo, nei ricordi da cui crede di aver imparato a difendersi. Ritrova persone di cui aveva ormai perso le tracce, compreso un ‘lui’ che per fortuna non si accorge della sua presenza. Ma il tempo in cui la protagonista si trova immersa non è solo il passato: è un tempo della sua vita che avrebbe potuto essere, se solo avesse preso una direzione diversa, quello della sorella di cui ammira la capacità di aver costruito una famiglia apparentemente felice, che riesce a gestire senza problemi né cedimenti.

L’altro tema chiave del libro è la lontananza, spesso cercata per porre una distanza tra sé e le persone amate, così da poterle guardare dalla calma della solitudine. Tutti i personaggi tendono a utilizzare qualche ‘filtro’ che smussi le contraddizioni insite nelle relazioni con gli altri. Un filtro materiale è rappresentato in tal senso dal vetro che separa l’uomo e la donna che si incontrano e si guardano per qualche istante indimenticabile nella “Storia blu”, raccontata in appena quattro tavole apparse per la prima volta in questa edizione. La protagonista di “Dopo il diluvio” ha l’impressione di amare il suo uomo solo quando non c’è, ripensandolo nei particolari invece di averlo vicino e doversi confrontare con la realtà. Nel secondo episodio, “Il ritratto dell’amore”, un pittore non riesce più ad afferrare l’immagine dell’amata per poterla ritrarre. Il volto della donna non si vede mai, se non filtrato, reinterpretato, inizialmente come un dipinto, poi deformato dall’acquario, dal metallo di una lampada e infine dall’acqua. Solo dopo la scomparsa della donna, il pittore riesce finalmente a possedere la sua immagine. In queste storie, come già nell’Uomo alla finestra, si assiste al tentativo di prendere in qualche modo le misure dei rapporti umani, di interrogarsi su di essi senza pretendere di fornire interpretazioni univoche o risposte definitive.
Come è nello stile dell’autore, questa interrogazione si avvale spesso di elementi simbolici: è il caso della statuetta che in “Lontano, molto lontano” passa di mano in mano rappresentando la libertà, i sogni, le speranze, le passioni che ciascuno di noi si sforza a fatica di conservare, e declinando le varie accezioni dell’espressione che dà il titolo alla storia (un luogo dove ricominciare una nuova vita o nascondersi, ma anche quello dove spariscono la persona amata o la mente di chi ha perso tutto nella vita). Questo breve racconto, realizzato negli anni Ottanta per un portfolio olandese, è stato concepito come una piccola ballata con il testo, originariamente in inglese, strutturato in 4 strofe composte a partire dal refrain Away, far away. Mattotti ama paragonare il suo lavoro alla musica, dichiarando di concepire i suoi racconti per immagini come racconti musicali. La cura per gli aspetti ritmici emerge chiaramente da questo lavoro, nell’equilibrio perseguito tra parole e immagini, nei vuoti, nei silenzi. Rispondendo all’esigenza di mantenersi in armonia con la parte visiva, i testi di Lilia Ambrosi e Gabriella Giandelli risultano essenziali, evocativi, hanno il ritmo della poesia. Sono il frutto di un intenso lavoro di confronto tra il disegnatore e le sceneggiatrici, di una sintonia artistica e umana che Gabriella Giandelli ben racconta nel suo testo introduttivo.

Pubblicato per la prima volta in Italia nel 2006 da Einaudi, nella collana Stile Libero Extra, e riproposto nel 2009 nel volume dedicato a Mattotti per la collana I Maestri del Fumetto, il libro viene oggi ripubblicato da #logosedizioni con due storie in più rispetto all’edizione originale e arricchito da altri contenuti inediti. Oltre a schizzi originali e tavole legate ai sei racconti da affinità tematica o stilistica, il volume comprende due testi realizzati appositamente da Lorenzo Mattotti e Gabriella Giandelli per questa edizione.

 

Focus a cura di Francesca Del Moro

ACQUISTA ORA SU LIBRI.IT: LETTERE DA UN TEMPO LONTANO

Lorenzo Mattotti vive e lavora a Parigi. Terminati gli studi di architettura, pubblica i suoi primi fumetti alla fine degli anni ’70 e, all’inizio degli anni ’80, fonda con altri artisti il collettivo Valvoline. Nel 1984 realizza Fuochi, che viene accolto come un evento nel mondo del fumetto e si aggiudica importanti premi internazionali. Il suo lavoro, da Incidenti a Stigmate, passando per Signor Spartaco, Doctor Nefasto, L’uomo alla finestra e numerosi altri titoli, evolve nel segno costante di una grande coerenza e, al contempo, dell’eclettismo di un artista che sceglie di esplorare continuamente nuovi territori. Oggi i suoi libri sono tradotti in tutto il mondo, mentre i disegni appaiono su riviste e quotidiani quali The New Yorker, Le Monde, Das Magazin, Süddeutsche Zeitung, Le nouvel Observateur, Corriere della Sera e la Repubblica. Nell’ambito della moda e del design, Mattotti interpreta i modelli dei più noti stilisti sulla rivista Vanity e, nel 2010, realizza tutte le copertine del mensile Domus. Illustra vari libri per l’infanzia, tra cui Pinocchio ed Eugenio, che nel 1993 si aggiudica il Grand Prix di Bratislava, uno dei massimi riconoscimenti nel settore dell’editoria per ragazzi. Realizza copertine, campagne pubblicitarie e manifesti, tra gli altri per il Festival di Cannes, nel 2000, e per l’Estate Romana. Nel 2002 pubblica Jekyll & Hyde e nel 2003 Il rumore della brina, entrambi per Einaudi e, nello stesso periodo, I manifesti di Mattotti (2002) e Angkor (2003) per Nuages; nel 2008 escono Appunti sul paesaggio per Tricromia e Le avventure di Pinocchio per la collana “I Millenni” di Einaudi; nel 2009 pubblica, per Orecchio Acerbo/Gallimard, Hansel e Gretel, le cui incredibili illustrazioni affiancano i testi di Neil Gaiman nell’edizione americana. Nel 2010, da una collaborazione con Lou Reed nasce l’opera The Raven (Il corvo, Einaudi, 2012). Mattotti lavora anche per il cinema: nel 2004, contribuisce al film Eros di Wong Kar-wai, Steven Soderbergh e Michelangelo Antonioni, curando i segmenti di presentazione di ogni episodio; nel 2007 realizza uno dei sei episodi del film d’animazione collettivo Peur(s) du noir – Paure del buio; nel 2011 lavora alle sequenze animate del film di Charles Nemes, Il était une fois… peut-être pas e nel 2012 porta a termine gli sfondi e i personaggi del film d’animazione Pinocchio di Enzo D’Alò. Nel 2012 #logosedizioni inaugura la collana “Works”, con un primo volume dedicato alle illustrazioni a pastello, seguito dal volume dedicato al mondo della moda. Nel 2013, sempre per #logosedizioni, esce l’opera visionaria Oltremai che viene esposta alla Pinacoteca di Bologna. Nel 2014 realizza Vietnam per la collana “Travel Book” di Louis Vuitton e nel 2017 torna a collaborare con Jerry Kramsky, realizzando un nuovo graphic novel dal respiro epico, Ghirlanda (#logosedizioni). Ghirlanda vince il premio Gran Guinigi durante l’edizione 2017 di Lucca Comics & Games.
Numerose le sue esposizioni personali, tra cui l’antologica al Palazzo delle Esposizioni di Roma, al Frans Hals Museum di Haarlem, ai Musei di Porta Romana di Milano, fino alle più recenti, la retrospettiva Sconfini (20162017) e Covers for The New Yorker (2018), per le quali #logosedizioni ha curato i cataloghi. Nel 2018 #logosedizioni inaugura una nuova collana che ripropone in una nuova veste l’evoluzione artistica del Mattotti fumettista, a partire da L’uomo alla finestra e Stigmate. L’universo di Mattotti spazia ormai, senza soluzione di continuità, tra fumetto, pittura, illustrazione e cinema d’animazione.
Con #logosedizioni ha pubblicato La stanza, Mattotti Works 1, Oltremai, Stanze, Venezia – limited edition, Venezia – Scavando nell’acqua, Mattotti Works 2 – Moda/Fashion, Nell’acqua, Oltremai – trade edition, Sconfini, Ghirlanda, Blind, Covers for the New Yorker, L’uomo alla finestra, Stigmate , Caboto e Lettere da un tempo lontano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.